Tu secchi. Io fiorisco. Sogni, viaggi e ricordi di un educatore impertinente dell’autore Eugenio Scardaccione

Tu secchi. Io fiorisco. Sogni, viaggi e ricordi di un educatore impertinente Autore Eugenio Scardaccione

diamo per scontato che tu sei interessato a leggere libri di genere biografie per passare il tempo.. finalmente nel sito adatto. Prova a leggere “Tu secchi. Io fiorisco. Sogni, viaggi e ricordi di un educatore impertinente” che è stato scritto dall’autore Eugenio Scardaccione. Tra i libri che posso consigliarti per il genere biografie c’è senza dubbio il consiglio di leggerti il libro che si intitola Tu secchi. Io fiorisco. Sogni, viaggi e ricordi di un educatore impertinente.

libro Tu secchi. Io fiorisco. Sogni, viaggi e ricordi di un educatore impertinenteTu secchi. Io fiorisco. Sogni, viaggi e ricordi di un educatore impertinenteEUR 11,10Leggi le recensioni

Recensione e guida alla lettura del libro “Tu secchi. Io fiorisco. Sogni, viaggi e ricordi di un educatore impertinente” di Progedit

1. Genere libro “Tu secchi. Io fiorisco. Sogni, viaggi e ricordi di un educatore impertinente” (biografie, memorie)

E’ un libro per amanti biografie, suggerito per chi è appassionato del tipo di libri memorie.

2. Descrizione “Tu secchi. Io fiorisco. Sogni, viaggi e ricordi di un educatore impertinente”

“Tu secchi. Io fiorisco. Sogni, viaggi e ricordi di un educatore impertinente”, di Eugenio Scardaccione, è adatto per quelli che amano il genere di libro biografie, e coloro i quali leggono spesso biografie. Ma il libro va bene anche per chi ama memorie. Infatti questo libro può essere letto anche da persone a cui piace il genere memorie Ecco i principali particolari su “Tu secchi. Io fiorisco. Sogni, viaggi e ricordi di un educatore impertinente”: è un libro dell’anno 2006. L’edizione è Progedit, è un libro che fa parte della collana Racconti, illustrazioni di G. Zavalloni. L’European Article Number (EAN) è 9788888550985. E’ un libro di media lunghezza per via del fatto che è di 136 pagine.

libro Tu secchi. Io fiorisco. Sogni, viaggi e ricordi di un educatore impertinenteTu secchi. Io fiorisco. Sogni, viaggi e ricordi di un educatore impertinenteEUR 11,10Leggi le recensioni
Ecco la scheda tecnica del libro:

  • Anno di pubblicazione: 2006
  • Edizione di: Progedit
  • Collana: Racconti
  • Illustrazioni di: G. Zavalloni
  • EAN: 9788888550985
  • Pagine: 136 pagine
libro Tu secchi. Io fiorisco. Sogni, viaggi e ricordi di un educatore impertinenteTu secchi. Io fiorisco. Sogni, viaggi e ricordi di un educatore impertinenteEUR 11,10Leggi le recensioni

3. Anteprima e riassunto de “Tu secchi. Io fiorisco. Sogni, viaggi e ricordi di un educatore impertinente”

Ecco un estratto del libro “Tu secchi. Io fiorisco. Sogni, viaggi e ricordi di un educatore impertinente”:

“Con la sfacciataggine del giullare che cala le braghe al re di turno”, nota il pedagogista Daniele Novara nella sua Prefazione, “con la naturalezza del ragazzo di cortile, con la sfrontatezza di chi non ha niente da difendere se non le sue idee e la sua storia, l’autore di ‘Tu bocci. Io sboccio’ torna ai suoi lettori rendendo pubblico il proprio personale racconto autobiografico. Libera le pagine dai cassetti in cui più o meno tutti conserviamo gelosamente – ma per chi? – le nostre riflessioni, i nostri sogni e le nostre inquietudini. Coraggio o incoscienza? generosità o azzardo?” Con questi interrogativi ci si avvicina al nuovo libro di Scardaccione. Le sue pagine contengono la narrazione di esperienze di una vita normale, con alti e bassi, degna di essere raccontata, come tante altre. Si intravede un desiderio intenso di condivisione delle sue esperienze: i viaggi, i sogni trascritti per circa tre anni tutte le mattine, la feconda memoria, gli incontri, metafore che aiutano a disvelare un universo interiore. E poi la pace, la nonviolenza, i racconti, un pizzico di umorismo e di allegria, l’elogio della poesia, della bellezza, la centralità della scuola, l’interiorità, la ricerca spirituale, le figure di don Lorenzo Milani e la scuola di Barbiana, la maieutica di Danilo Dolci, il sorriso di Frère Roger.

Leave a Reply